Che cos’è un ufficio stampa

Che cos’è un ufficio stampa? È una domanda alla quale devo spesso rispondere, quasi subito dopo “che lavoro fai?”.
In breve: un ufficio stampa lavora perché il suo cliente, un’istituzione o un’azienda, abbia la più ampia visibilità su un panel di giornali di suo interesse.

L’ufficio stampa è stato anche definito un “ponte”, l’intermediario che mette in collegamento l’ente che ha una notizia da far sapere e chi la può divulgare, i giornalisti.

Che cos’è un ufficio stampa? Dettagli

L’ufficio stampa parla ai giornali. Sembra semplice, ma se vuoi approfondire scopri che non lo è. Ho scritto “giornali” e questa è una definizione corretta, ma invecchiata: oggi ci sono più tipologie di media in grado di diffondere una notizia: giornali cartacei, radio, televisione, canali di informazione on line.

Come indicazione pragmatica, l’ufficio stampa, per tradizione, si rivolge a giornali cartacei e a portali in rete che ne condividano in grande misura la logica “unidirezionale” : il giornalista scrive, i lettori leggono.

A quali giornali si rivolge un ufficio stampa?

La seconda definizione di dettaglio è ancora più importante. Che cosa significa “panel di giornali di suo interesse”? Ogni azienda definisce obiettivi e profili di clienti, reali e potenziali. L’ufficio stampa si rivolge di preferenza alle testate che, per linea editoriale e fasce di lettori, risultano strategiche per l’azienda.

E’ essenziale però anche l’inverso: i giornali a cui l’azienda si rivolge devono essere realmente interessati all’argomento. Ho conosciuto clienti, responsabili di piccole realtà culturali di provincia, che all’ufficio stampa chiedevano di comparire sull’inserto domenicale di un grande quotidiano nazionale. In realtà, le testate  che con più margine di probabilità avrebbero pubblicato quella notizia erano giornali locali.

Comprendere, con lucidità, quali sono i media disposti a parlare di noi è il lavoro più complesso dell’ufficio stampa.

Strategia: scegli la notizia e i destinatari

Un progetto di comunicazione verso i giornali richiede una strategia. Il contenuto del comunicato stampa, il taglio che si dà alla notizia è frutto di una riflessione che coinvolge ufficio stampa e azienda cliente. L’obiettivo è far parlare dell’azienda ma in modo ponderato: comunicazione, corporate branding, mission aziendale sono integrati.

Quali giornalisti?

Il plus che davvero fa la differenza, negli uffici stampa, è lo stretto contatto con i giornalisti, parlare con loro e al tempo stesso conoscere i giornali e il lavoro di redazione. Dal momento che questi elementi cambiano nel tempo, è essenziale:

  • comunicare spesso con i giornalisti
  • controllare e aggiornare il database dei contatti
  • verificare la strategia di comunicazione.

L’ufficio stampa fa digital pr?

Giornali, radio e tv non sono oggi i soli media disponibili. On line esistono oggi diversi altri spazi dove si può parlare di un’impresa o di un marchio: sono i social media, ma il loro contesto è radicalmente diverso. Su Facebook, Linkedin, Twitter  la logica è bidirezionale: scrive l’azienda, ma scrivono anche gli utenti, realizzando contenuti che incidono, in termini di influenza, alla pari o forse di più rispetto a quanto viene pubblicato dal marchio.
Storicamente, l’ufficio stampa nasce per dialogare con i giornali ma, oggi, questa definizione tende a sfumare.

Ufficio stampa e social media management restano due ambiti differenti, ma confinanti.

L’ufficio stampa userà anche i canali social per restare in contatto con i giornalisti e ha già competenze specifiche di relazioni pubbliche digitali.

Vuoi capire meglio che cos’è un ufficio stampa e come può aiutare la tua attività?
Scrivimi per una prima consulenza gratuita.