come scrivere per il web

Come scrivere per il web

Come scrivere per il web, in base ai contesti, il registro linguistico di chi ci legge, interessi e desideri dei destinatari è compito che sembra semplice. È noto e per molti ovvio il mantra secondo il quale scrivere per il web significa pensare all’utente, in diverse variabili di contenuti che in tanti ripetono: il contenuto utile, il contenuto di qualità, il contenuto di opinione. Esperti di blogging e copywriting si sono concentrati, in realtà, non solo sui contenuti.
Tone of voice, stile, linguaggio, forme grammaticali e sintassi: tutto quello che ha che a vedere con lo scrivere è stato analizzato, molto prima di questo blog, per comprendere come raggiungere alcuni risultati e non altri, come raggiungere più accessi, come scrivere per il web in blog di successo.
Sono sincera, non mi sento di scrivere nulla di più e nulla di meglio.

Scrivere per il web: dipende dal contesto

Un mio amico carissimo, programmatore, ma anche esperto di divulgazione scientifica, ha sintetizzato a suo modo il nodo della questione: è questione di linguaggio.

Il linguaggio si modula in relazione al destinatario e questo, in verità, si fa sempre, nella vita quotidiana e professionale.

  • L’addetto stampa modula i termini del comunicato stampa pensando al giornalista;
  • la mamma modella contenuti e forma della sua frase in misura dell’età del bambino;
  • il giornalista scrive l’articolo in linea con il palinsesto del suo giornale e con i suoi lettori;
  • Il blogger sceglie gli argomenti migliori per stabilire un contatto con la sua community.

Il web è grande, forse troppo

Se segui una prospettiva orientata agli utenti, i metodi che indicano come scrivere per il web non ti dicono nulla di nuovo: eccetto il fatto che, sulla Rete, il numero dei potenziali lettori si è amplificato.
Se vuoi distinguerti, è ancora più importante identificare i destinatari e non dimenticarsene mail il profilo.
Scegli poi, con uguale attenzione, di scrivere contenuti nuovi e originali: non solo quello che i tuoi lettori vogliono leggere, non solo perché avrai molti click, ma perché questo, in fondo, è il tuo messaggio, il tuo valore.

La cura dei contenuti

Tu a cosa pensi quando scrivi per il web? Ti dico la verità, io non sempre sono rigorosa. Scrivo per chi mi legge e scrivo per me stessa: in misura variabile e, spesso per fortuna, imperfetta. Ogni tanto scrivo più per togliermi un sassolino dalla scarpa.  Nei casi fortunati, riesco davvero nei panni dell’altro e lo porto, per mano, nel luogo dove troverà le risposte alle sue domande.

Capire come scrivere per il web è semplice, quindi?

Non saprei. Io ho impiegato del tempo a capire come comunicare con il mio bambino in modo efficace e ancora ci sto provando.  Il motivo è banalissimo: una volta che ho compreso stile, tone of voice e linguaggio, il mio bambino cresce e quindi devo adattarmi ancora. Anche scrivere per il web è una continua evoluzione. 

Copywriting Seo-oriented?

Mi sono tenuta lontana, sino ad oggi, da questo termine per addetti ai lavori che sembrava, fino a poco tempo, fa, molto complicato. Scrivere Seo-oriented era un po’ come scrivere per Google. La dico semplice: si trattava di aiutare il motore di ricerca a trovare il tuo contenuto, magari un po’ prima di quello degli altri.
C’è stata molta incomprensione sul copywriting in ottica Seo: vista da una prospettiva tecnica, la scrittura figurava come un esercizio differente da quello che ti ho descritto finora. Il blogger, oggi, non scrive senza un’accurata analisi di parole chiave e intenti di ricerca; un esercizio intelligente, che però può interrompere un flusso creativo.

Che cosa significa, allora, scrivere Seo-oriented?

C’è voluto del tempo, ma alla fine consulenti Seo e copywriter si sono trovati d’accordo. Scrivere per il web vuol dire  scrivere per il lettore. Se il lettore ti apprezza, anche Google ti apprezzerà.
L’obiettivo non è sempre facile e non è detto che porti i risultati sperati. La direzione, però, è più chiara.