Evento culturale

Evento culturale: cosa comunicare quando è terminato

Quando fai ufficio stampa per un evento culturale, l’attività segue dei tempi ben scanditi, prima, durante e dopo. A evento concluso, il committente chiede, talvolta, di proseguire la divulgazione ai giornali, magari con un comunicato di chiusura. È davvero utile e in quale occasione? Che cosa fa l’ufficio stampa, quando il festival, la mostra, l’avvenimento pubblico, la fiera, il concerto o la manifestazione sono terminati?

Pur sapendo che ogni evento culturale richiede una valutazione differente, oggi voglio suggerirti che cosa è più utile fare e che cosa, invece, non dà risultati.

Evento culturale: cosa scrivono i giornali

Prima di mandare il comunicato stampa a evento concluso, ricorda che cosa è una notizia, cioè un fatto degno di pubblicazione, per i giornali. Per aiutare il tuo cliente a capire, mostra che tipo di articoli vengono più spesso pubblicati dopo un evento.
Ti riassumo alcuni casi:

  • i giorni immediatamente successivi, trovi resoconti con foto e recensioni (per esempio se il tuo evento è un concerto o uno spettacolo);
  • spesso figurano contenuti brevi con molte fotografie, se l’evento ha avuto molta risonanza;
  • se hanno partecipato personaggi noti, alcuni giornali si concentrano sulla loro presenza o su una loro dichiarazione;
  • se l’evento ha grandi numeri, come l’afflusso di pubblico, effetti speciali degni di nota, se è una prima edizione, alcuni giornali pubblicano recensioni più approfondite.

Il comunicato di chiusura

Il comunicato stampa di chiusura, dopo un evento culturale, è una buona idea in alcuni contesti, non in tutti.
In molti casi, invitare i giornali a parlare di un avvenimento al quale il lettore non può più partecipare, è inutile.
Un comunicato stampa post evento avrà rilevanza se, ad esempio:

  1. annuncia dati di affluenza molto importanti;
  2. se è stato un avvenimento eccezionale per il territorio;
  3. se è il primo di serie di appuntamenti altrettanto interessanti per il pubblico.

Un comunicato a evento culturale concluso risulterà inutile, se, invece:

  1. contiene solo lodi dell’evento e nessuno dato concreto di come è andata;
  2. enfatizza successi in modo non veritiero (mentire è sempre pericoloso);
  3. viene mandato ai giornali molti giorni dopo o addirittura settimane dopo l’evento.

Cosa fa l’ufficio stampa dopo l’evento

Come prosegue l’attività di comunicazione quando l’avvenimento è concluso? Nella maggior parte dei casi, il press office prepara la rassegna stampa da consegnare al cliente, cioè il riepilogo degli articoli pubblicati.
Se l’evento è il primo di un calendario più ampio, il percorso continua con la programmazione dei comunicati futuri e con il rapporto costante con i giornalisti.
Una buona idea è riflettere sui risultati del lavoro di ufficio stampa, per verificare la strategia di comunicazione.

  • Hai mandato un comunicato stampa con un dettaglio che ti sembrava poco rilevante e invece i giornalisti lo hanno enfatizzato?
  • Pensavi che l’evento avrebbe avuto molta risonanza sui giornali di un certo settore e invece è stato pubblicato da altre riviste?

I riscontri dei giornalisti, anche quelli che non hanno pubblicato, ti aiutano a capire come il tuo comunicato è stato recepito dai giornali e che cosa migliorare in futuro.