Strategie per vendere on line foto di Hanson Lu

Strategie per vendere on line: a chi chiedere?

Devi definire le strategie per vendere on line e hai bisogno di affidarti a dei professionisti. Come scegliere il consulente giusto? Hai chiare le domande da porgli e le prime azioni da intraprendere per far decollare il tuo business? Non sono domande banali. Nel mio lavoro, mi capita spesso di incontrare piccole e medie imprese e liberi professionisti che avviano un’attività sul web senza un piano ponderato.
Quando decidono di farsi aiutare, il problema più importante è capire dove sta il problema.
Ti dirò: non ho ricette magiche per dirti come vendere on line per fare soldi: forse, però, posso darti qualche consiglio per iniziare.

Strategie per vendere on line: da dove cominci?

Uno degli errori di molti piccoli business è il faidate. Mumpreneur, giovani Partite Iva, ma anche attività locali più strutturate si avventurano sul web da soli, senza avere esperienza e senza chiedere a nessun esperto.
Il sogno di guadagnare subito, con un progetto che ha poche spese iniziali, è comprensibile ma, di fatto, molti business nati con queste premesse non funzionano. Anche l’obiettivo di spendere poco è un miraggio: se l’attività non decolla, nel tempo presenta tanti costi di gestione e manutenzione che non si ripagano.
Solo dopo qualche tempo l’imprenditore decide di chiedere aiuto a un professionista ma, guidato dal solo obiettivo di risparmiare, non sa cosa scegliere.

  • Serve un’agenzia per rifare da capo il sito web?
  • È opportuno un consulente Seo?
  • Sarà meglio chiamare un copywriter per riscrivere i testi oppure
  • è prioritario affidarsi a un buon venditore per fare marketing telefonico?

Primo passo: individuare il problema

Sia che tu abbia già avviato un business on line o nel caso tu stia per iniziare, un buon metodo è definire con precisione che cosa ti serve.

Stabilisci gli obiettivi, decidi dei tempi.

Puoi preventivare di non avere entrate per qualche tempo, se hai soldi da parte, perché molte attività sul web hanno un processo di crescita molto lento.

Per scegliere i consulenti giusti devi soprattutto fare un’analisi delle tue conoscenze e delle competenze dei tuoi collaboratori.
Chiediti, per esempio:

  • hai già persone molto esperte nella vendita e nella gestione degli ordini?
  • sei bravissimo con Photoshop o lavori già con un art director esperta?
  • fai spesso acquisti on line e conosci i siti Internet della concorrenza?

Una volta condotta questa analisi, saprai sotto quali aspetti il tuo business è più debole e dove hai bisogno di un know how aggiuntivo. Se hai un budget contenuto, scegli l’ambito più importante, quello che può aiutarti a vendere di più. In molti casi, gli ecommerce di piccole e medie imprese nascondono le loro falle nella struttura del sito.

Navigabilità, pagine poco chiare, errori di codice sono le priorità da verificare.

Secondo: fai le domande giuste

Può darsi che, a questo punto, tu abbia la idee chiare sul problema, non sulla soluzione. Un professionista saprà aiutarti se avvierete una comunicazione sincera.

Quando parli con il consulente, più sarai chiaro e diretto nell’esprimere le tue necessità, meglio sarai compreso.

Nascondere, minimizzare il problema non serve; è molto più efficace raccontarsi, spiegare al professionista da dove si è partiti e come, perché questo lo aiuterà a conoscere l’azienda e la tua storia. Se il consulente capisce il problema, saprà orientarti e definire nuove strategie per vendere on line.

Terzo: non farti spaventare dal prezzo

Nessun imprenditore, oggi, ama gli investimenti con troppi zero ma ti dico: la ricerca di costi bassi non deve diventare un’ossessione.

Quanto ti costa spendere poco, per mesi e anni, senza fatturare?
Quanto ti farebbe guadagnare pagare il consulente giusto, per un servizio di qualità che ti aiuterà a vendere di più?

Quando approvi il progetto del consulente, chiedi delle garanzie, tempi e modalità sui risultati. Chiarisci prima che cosa ti aspetti dal progetto e che cosa avrai in cambio del tuo investimento. Non spendere troppo per obiettivi vaghi, ma non pensare che azioni a basso costo, scelte solo perché costano poco, possano aiutarti davvero.

Ultimo: studia il mercato

Sei un esperto nel tuo settore, conosci la concorrenza, segui corsi di aggiornamento sulla professione. Ottimo, è il tuo lavoro. Se vuoi rinnovare le strategie per vendere on line, però, prosegui la tua formazione su web marketing e inbound marketing.
Anche se ti affidi a un professionista, ti consiglio di iniziare a leggere un po’ di più sulle dinamiche della Rete e dei business on line: comprenderai meglio il linguaggio dei consulenti e potrai confrontarti con loro in modo più efficace.

Se hai studiato web marketing in passato, ricorda che sul web molti scenari cambiano rapidamente e che è necessario sempre restare aggiornati. La modestia è sempre un buon approccio in questi casi: sai già molto, ma c’è sempre spazio per approfondire.

Hai altri consigli sulle strategie per vendere on line? Ci sono problemi che ho dimenticato di scrivere? Fammi sapere.